Elezioni Lecce. Federica De Benedetto presenta le 10 Idee per una Cultura Accessibile

da | 20 maggio 2017 | Lecce, Politica |

Oggi la vice coordinatrice regionale di Forza Italia Puglia, in corsa per le elezioni amministrative, e il candidato sindaco del centrodestra Mauro Giliberti, hanno presentato alla stampa dieci iniziative concrete e di immediata realizzabilità per rendere fruibile la cultura alle fasce più deboli del territorio e per rilanciare il turismo culturale quale veicolo essenziale per la città di Lecce al fine di creare nuovi posti di lavoro.
Un punto a cui teniamo molto quello della cultura e per il quale Federica sta dando un grosso contributo. Lecce può e deve diventare capitale internazionale del turismo culturale, facendo attenzione anche e soprattutto ai più piccoli e ai disabili perché la cultura, la nostra cultura, non può essere riservata a pochi. Mauro Giliberti

Candidato Sindaco al Comune di Lecce

Quelli che presentiamo oggi sono dieci punti dalla grande valenze socio-culturale. Nella nostra idea di cultura, quella che guarda ai prossimi 20 anni, ci sono i più piccoli, i diversamente abili, la cucina e la Lecce nascosta. Possiamo crescere ancora molto e sono convinta che Mauro, quando sarà sindaco, saprà dare la giusta attenzione e il giusto risalto a queste dieci idee, realizzabili già dal giorno dopo il suo insediamento.

Federica De Benedetto

Candidata a Consigliere per il Comune di Lecce, Forza Italia

Pubblicato da Federica De Benedetto su Sabato 20 maggio 2017

10 idee per una cultura accessibile e per rilanciare il turismo culturale a Lecce

1) Lecce Museo a cielo aperto
La nostra città è ormai da anni riconosciuta dai turisti come un vero e proprio museo a cielo aperto. Grazie alle bellezze che abbiamo a disposizione, questo territorio è riuscito a conquistare le maggiori classifiche del turismo, ma occorre rendere maggiormente produttivo il nostro patrimonio artistico. Il primo punto da cui partire è l’Anfiteatro Romano: all’estero esistono veri e propri musei dove non c’è nulla da visitare se non le ricostruzioni in 3D di monumenti andati perduti. L’Anfiteatro Romano e i suoi sotterranei dalla prossima Amministrazione possono essere valorizzati ulteriormente rendendoli visitabili e accessibili a tutti, turisti e cittadini, tutto l’anno.
2) Calendario di eventi unico e condiviso
È nostra intenzione attivare immediatamente come Amministrazione del Capoluogo, un portale comunale online multilingua, intuitivo e ottimizzato anche per smartphone dove pubblicare tutti gli eventi, di interesse culturale, in programma sul territorio leccese. In questo modo gli organizzatori degli eventi potranno identificare con certezza la data della propria manifestazione, evitando sovrapposizioni o mettendosi a sistema con altre iniziative, e i cittadini e turisti potranno conoscere e usufruire di una vasta e differenziata possibilità di scelta quotidiana.
3) Lecce in mostra

Il ricco patrimonio artistico, storico e culturale leccese non è solo quello architettonico, delle chiese e dei monumenti.
Possiamo realizzare mostre di rilevante interesse nazionale ed internazionale, attraverso le importanti collezioni private di opere d’arte, biblioteche e archivi che testimoniano la storia delle famiglie leccesi. Si tratta di Collezioni private di grande valore artistico, sconosciute al pubblico, ma che possono diventare importanti attrattori turistici una volta inseriti in percorsi all’interno dei più suggestivi contenitori cittadini. Ad esempio, sappiamo già di poter contare sulla disponibilità della Biblioteca musicale, costituita dal Sindaco Romano risalente a testi dal 1760 in poi, dall’inestimabile valore storico-culturale, testimonianza dell’altissimo livello della lirica leccese nella prima metà dell’ottocento e che possiede, anche, testimonianze di rilievo della musica etnica-popolare del territorio salentino.

4) Il tema del mese
Il turismo nazionale ed internazionale identifica le proprie mete anche con grande anticipo, contando sulle iniziative organizzate dalle città per vivere esperienze diverse, particolari e suggestive. Siamo il capoluogo del Barocco, ma anche la città d’arte sul mare con i suoi cortili nascosti, le chiese, i teatri e i siti archeologici. Ecco allora l’idea: gemellare la città di Lecce con altri importanti centri urbani, nazionali e internazionali, al fine di creare un link virtuoso e condiviso di eventi itineranti, comprensivo di mostre d’arte, cinema e letteratura.  Con la stesura di un calendario ben strutturato e congeniato, adeguatamente promosso, il turista potrà scegliere di visitare la nostra città contando su iniziative tematiche mensili può viaggiare dal mese dei presepi a quello dell’arte liberty, passando per il mese dei cortili nascosti e aperti e quello dei tesori sotterranei, dal mese del libro e quello del cinema intorno ai set dei film, videoclip, documentari e programmi che si girano sempre più spesso in città. Eventi nazionali nel segno della cultura, che possano avere la nostra città quale punto di snodo e tappa imprescindibile.
5) La stagione estiva di Lecce: non solo mare

Lecce deve poter presentare al mondo la propria stagione estiva con mesi d’anticipo così da poter rendere attrattiva la città anche per la sua offerta culturale nelle diverse stagioni.

L’Anfiteatro e il teatro romano rappresentano luoghi suggestivi ed unici che devono offrire ai leccesi e non, un vero cartellone di eventi estivi, mettendo a sistema le realtà musicali, artistiche e teatrali del nostro territorio, sia di natura istituzionale che privata.

6) Lecce: lettura alla portata di tutti
Sostenere e promuovere ogni evento legato alla diffusione della lettura sotto ogni sua forma con attenzione a incentivare l’educazione alla lettura nei bambini, nelle persone con difficoltà sensoriale, quali non vedenti, ipovedenti e con problemi di apprendimento, diffondendo soluzioni alternative come la conoscenza degli audiolibri e del linguaggio braille. Ma non solo. Con una virtuosa concertazione con l’Ufficio del lavoro può essere possibile fornire momenti di lettura domiciliare, creando un raccordo virtuoso tra due svantaggiate socialità, ovvero quella dei numerosi disoccupati in città e quella di chi è affetto da disabilità e non ha la possibilità di muoversi dal proprio domicilio.
7) Museo dei bambini di Lecce
Vogliamo realizzare anche a Lecce il museo dei bambini. Sono presenti in molte città europee e registrano un’affluenza record ovunque. Il fine di questi musei è quello di favorire ed incoraggiare il desiderio di apprendimento con un’offerta culturale che stimoli ed ispiri i più piccoli attraverso mezzi comunicativi studiati per stimolare la curiosità culturale e la fantasia e allo stesso tempo creare un momento di condivisione tra genitori e figli.
8) Enogastronomia: identità culturale della nostra terra
I prodotti enogastronomici raccontano l’identità e la cultura salentina. Attraverso i nostri gusti, possiamo raccontare la storia della nostra terra e dei popoli che l’hanno attraversata. I turisti orientano le proprie scelte di viaggio anche in base alla cucina di un territorio ed alle sue specialità. I prodotti genuini che ci caratterizzano e le ricette antichissime sono un punto di forza per migliorare l’esperienza gustativa dei nostri ospiti. Il Comune studierà un marchio identificativo da distribuire a tutti i ristoratori leccesi che rappresentino i valori culinari (tradizionali, moderni e reinterpretati) del nostro territorio in termini di genuinità, territorialità, stagionalità e qualità dei prodotti.  Inoltre, verrà realizzata una guida culinaria destinata ai turisti, scaricabile con barcode, in cui saranno illustrati gli elementi storici e culturali della nostra tradizione e in cui verranno inseriti i ristoratori aderenti, che potranno proporre anche specifiche offerte o convenzioni.
9) Il Museo dei salentini: chi ha fatto la storia e chi la farà
Chi visita la nostra Città, ma anche gli stessi abitanti, deve poter conoscere i grandi personaggi leccesi e salentini che hanno influenzato storia, politica, stili e correnti artistiche in Italia ed in Europa.  Vogliamo realizzare un Museo dedicato a tutti loro. La nostra terra ha dato i natali a celebri personaggi da Giulio Cesare Vanini a Tito Schipa, senza dimenticare Aldo Moro, solo per citare tra i nomi più noti. Ma ve ne sono molti altri che meritano di essere conosciuti. Inoltre, perché limitarci solo alla storia? Anche oggi ci sono salentini che si stanno distinguendo in ogni arte e scienza, e ottengono spesso riconoscimenti a livello internazionale senza essere riconosciuti dalla propria Città. Attraverso mostre dedicate a loro, presenteremo ai cittadini e turisti la memoria storica e le promesse future di questa nostra amata Terra.
10) Lecce: le piazze del cinema in periferia
Riprendiamoci le piazze della periferia! Ciò è possibile pensando a momenti di divertimento e di condivisione, proiezioni cinematografiche e spettacoli teatrali da programmare nella stagione primaverile ed estiva con rassegne d’autore.